fbpx

Che cosa sono i capillari?

Vengono chiamati così dei piccoli vasi che compaiono sulle gambe o anche al viso, molto superficiali, sono molto ben visibili e numerosi. Generalmente l’epidermide è di 2-3 mm di spessore così che quando questi capillari sono un po’ più profondi abbiamo un aspetto della pelle che sembra ‘’livido’’ o macchiato.

I capillari sono molto frequenti, colpiscono l’80% delle donne e sono sempre associati a problemi di varici. Nella nostra clinica siamo specializzati nel trattare i capillari al volto e sulle gambe.

capillari

Il primo passo nella diagnosi dei capillari è l’ispezione con cui si può vedere il colore rosso, porpora o blu dei capillari. Il secondo passo è fare un esame ecocolordoppler con il paziente in piedi, e questo per vedere le vene sottostanti o vene nascoste che sono quelle che alimentano i capillari. Con il paziente disteso non è possibile vedere il reflusso del sangue in basso che è influenzato dalla forza di gravità. Seguendo il nostro protocollo, dopo questo esame decidiamo come trattare i capillari, se fare prima le vene sottostanti oppure trattare i capillari senza bisogno di fare altro.

Le cause dei capillari

La causa della formazione dei capillari non è ben conosciuta. Guardando i siti di altri colleghi sono indicate cause diverse, molto contraddittorie. Studi da noi eseguiti ci hanno mostrato soltanto che i capillari nel 90% dei casi sono associati a ‘’vene nutrici’’ o vene profonde insufficienti.

Partendo da queste vene più profonde si formano gruppi di capillari ben visibili. Il nostro protocollo prevede lo studio di queste vene profonde e il loro trattamento. In questo modo noi non abbiamo mai avuto casi di recidive di capillari dopo trattamento o formazione di ‘matting’ (macchie di capillari). Vediamo molto spesso queste zone di matting in pazienti provenienti da altri ambulatori e troviamo sempre al di sotto vene nutrici che non erano state identificate nè trattate.

Sintomi dei capillari

I principali sintomi dei capillari sono legati alla loro forma, al loro numero e colore: più scuri quando i capillari sono più grossi (più di 1 mm di diametro) perché il sangue che rimane fermo si desatura di ossigeno e si carica di Co2 e quindi si ha una colorazione blu. I capillari sono invece rossi quando il sangue all’interno di essi è più ricco di ossigeno e sono più vicini alle vene nutrici.

Via Milano, 83 - Andria (BT) – Italia

Chiamaci al

Chiamaci al

0883 594850 - 347 3903801

Scrivici via email a

Scrivici via email a

francesco.pollice@tiscali.it

Richiedi un

Richiedi un

appuntamento ora

yoast seo premium free