Orari d'apertura : Lun-Ven 8:00/12:30 - 15:00/20:00
  Contatti : 0883 59 48 50 - 329 4166249

Archive for gennaio 2017

Come rimanere forti dopo i 65 anni

chiama oggi stesso per un appuntamento

E’ un’ironia, vivere più a lungo, perché vediamo il declino del nostro corpo. E neanche il sistema immunitario è immune da questo. È chiamata immunosenescenza, il termine indica un indebolimento del sistema immunitario che non riesce più a bloccare le maimmagine_articololattie infettive, cancro e altre malattie.

Fortunatamente noi possiamo proteggere e potenziare il nostro sistema immunitario seguendo alcuni principi. Adottando queste abitudini non è garantita la salute perfetta, comunque siamo coscienti di fare tutto quello che possiamo per ottimizzare il nostro stato di salute e allontanare la immunosenescenza.

Suggerisco queste 5 cose che rendono il sistema immunitario più forte e il più a lungo possibile.

  1. Se tu fumi, smetti di fumare.no_smoke

    Sembra una cosa difficile smettere, però il fumo ha un effetto molto negativo sul sistema immunitario. Questo è come uno scudo che ci difende dagli invasori – aumenta il livello di antiossidanti nel nostro sangue e aumenta la nostra risposta immunitaria contro virus e batteri.

  1. Tieni sotto controllo gli alcolici.

    Evita l’eccessivo consumo di alcol, ciò significa soltanto 5-6 bicchieri in 5-6 giorni in un periodo di 30 giorni. Non soltanto il bCOME PUOI TENERE FORTI LE TUE DIFESE DOPO I 65 ANNIere riduce la forza del nostro sistema immunitario, ma riduce anche l’abilità dei globuli bianchi a neutralizzare i germi.

    L’alcol aumenta il rischio di infezione; se tu sei un forte bevitore, rischi di morire di polmonite o di sviluppare anche la tubercolosi. Sebbene il bere eccessivo è dannoso, un bicchiere di vino rosso ogni tanto è compatibile con l’azione antiinfiammatoria della dieta mediterranea.

  1. Non esporti al sole.sun_on_beach

    Evita di esporre la tua pelle al sole per molto tempo. Sebbene la Vitamina D (prodotta dalla luce del sole sulla pelle) ha un effetto positivo sul sistema immunitario, molti raggi ultravioletti possono alterare il DNA e quindi aumenta il rischio di cancro.

  1. Limita la tua esposizione ad agenti chimici cancerogeni.

    Evita di mangiare cibi con parti carbonizzate. Evita ambienti carichi di polvere per esempio industrie siderurgiche, cementerie, fabbriche che producono fumi o polveri eccessive.

  1. Se sei in sovrappeso, cerca di ridurre i Kg in più.

    È risaputo che chi è in sovrappeso è a rischio in molti modi. Un sistema immunitario indebolito ne è il risultato.

    Il graCOME PUOI TENERE FORTI LE TUE DIFESE DOPO I 65 ANNIsso addominale produce infiammazione che colpisce il cuore. Anche piccole riduzioni di peso hanno un effetto antiinfiammatorio.

    Mangiare molta frutta e vegetali è un primo passo verso una dieta salutare e può anche aiutare a ridurre il peso e aumentare il livello degli antiossidanti. Esamina la tua dieta e guarda quante volte mangi cibi fritti o alimenti con conservanti. Gradualmente sostituisci questi cibi con cibi che sono freschi e ad alto valore nutritivo.

Se tu segui queste 5 regole rendi il tuo sistema immunitario molto forte, pronto a combattere contro virus e batteri e anche a vivere più a lungo.

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci

8 Consigli per migliorare la tua memoria

chiama oggi stesso per un appuntamento

Il cervello non smette mai di crescere. Non è vero che una volta raggiunta l’età adulta resta uguale a stesso: continua a crescere e a svilupparsi anche negli adulti. Finora era noto che nell’infanzia e nell’adolescenza avviene il processo di formazione di connessioni fra i neuroni chiamate sinapsi. Nell’età adulta inizia un lento processo di regressione con perdita di connessioni “sinapsi”, perdita di memoria e riduzione delle capacità cognitive e di elaborazione. La buona notizia è che il declino cognitivo non è inevitabile. Ci sono dei mezzi per invertire questo processo e restare sempre lucidi e svegli. Ecco alcune cose da fare per migliorare la nostra memoria:

1. Esercitati con i cruciverba.

Non solo migliora la nostra conoscenza, ma riattiva le sinapsi del cervello quando tu cerchi di ricordare vecchie nozioni o fatti.

8 COSE PER MIGLIORARE LA TUA MEMORIA

2. Dormi di più.

Quando non si riesce a dormire di notte è impossibile concentrarsi il giorno seguente. Questo perché la memoria e il sonno sono connessi in due modi: primo, è necessario un certo riposo per imparare e focalizzare; secondo, il cervello assorbe e consolida le nuove informazioni mentre dorme.

8 COSE PER MIGLIORARE LA TUA MEMORIA

3. Mangia molta verdura e frutta.

La frutta e la verdura rafforzano la nostra mente. Per esempio i frutti di bosco sono ricchi in antocianosidi che sono degli antiossidanti che migliorano le funzioni cognitive e allontano il morbo di Alzheimer . Le verdure come broccoli e spinaci rallentano il declino cognitivo.

FruttaVerdura

4. Esci e corri un pò o cammina veloce.

L’esercizio regolare aerobico espande l’ippocampo ( un‘area del cervello coinvolta nella memoria e nell’apprendimento)

running

5. Sorridi quanto più possibile.

Il sorridere ad uno scherzo divertente è stato visto che aumenta la nostra memoria a breve termine. Perciò circondati di persone allegre, guarda video divertenti.

happy-woman-with-beautiful-smile-253486

6. Bevi del vino rosso.

Un bicchiere di vino rosso ha un effetto positivo sul cervello. La presenza di antiossidanti come il resveratrolo (presente nella buccia dell’uva rossa) aiuta a combattere il declino della memoria.

red_wine

7. Bevi più caffè.

Il consumo di caffè ha un effetto positivo sulla memoria a lungo termine.

8 COSE PER MIGLIORARE LA TUA MEMORIA

8. Prendi delle vitamine.

La vitamina B12 è molto presente nel latte e nel pesce, ma può essere assunta come farmaco per prevenire la demenza e la perdita di memoria.

8 COSE PER MIGLIORARE LA TUA MEMORIA

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci

Più ottimisti con questi esercizi

chiama oggi stesso per un appuntamento

Essere pessimisti danneggia anche il cuore che può andare incontro ad un infarto. Vedere il bicchiere mezzo pieno è sicuramente una scelta più conveniente.

Siamo attraversati ogni giorno, secondo alcunithink-positive-paper-ink-quote psicologi, da un flusso di 60 000 pensieri per lo più negativi. In un uomo di 80 anni sono stati calcolati circa 500 milioni di stati mentali. Bisogna quindi lottare per raggiungere l’ottimismo; non è qualcosa di spontaneo.

Che cosa è l’ottimismo?

È avere delle aspettative favorevoli, molto utili per il cuore e per la qualità della vita. Le persone che sono più ottimiste tendono a vivere di più, hanno un sistema cardiovascolare migliore, dormono meglio e hanno un sistema immunitario più efficiente.

Ci sono due esercizi che le persone possono praticare per diventare ottimisti:

  1. Immagina per 5 minuti al giorno il futuro possibilmente migliore e una vita più bella possibile.cb4d7d93535ac881581cc25bd6323b33

Questo esercizio migliora notevolmente la nostra mente. Un gruppo di soggetti giovani, studenti universitari, è stato istruito ad immaginare per 5 minuti al giorno (una o più volte) le cose più belle possibili. Questa prova è stata fatta per un periodo di 2 settimane. I ricercatori hanno visto che l’esercizio quotidiano ha aumentato nei soggetti il livello di ottimismo e di benessere fisico e spirituale.

  1. Scrivi su un giornale tutti gli atti di gentilezza ricevuti in una settimana.

DIVENTI PIU ottimistaAnche qui è stato arruolato un gruppo di studenti a cui è stato chiesto di scrivere su un diario tutte le cose positive ricevute nella settimana. Si è visto che in questo gruppo c’è stato un alto livello di soddisfazione e un livello di ottimismo più alto rispetto a un altro gruppo simile che non ha svolto questo compito. Molti studi confermano infatti che chi fa questo diario in cui scrive tutti gli atti di gentilezza della settimana, aumenta di molto il livello di ottimismo e di autostima. Già dopo una settimana si vede una bella differenza.

Il 25%di ottimismo è ereditario.

Molto dipende dalle attenzioni con cui i genitori curano i bambini durante i primi anni di vita. Anche il livello socio-economico è importante: più basso è il livello socio-economico , più alto è il tasso di pessimismo. Le persone diventano ottimiste quando si pongono obiettivi e interessi elevati, perché ci rende felici impegnarci nel raggiungere tali obiettivi nobili o grandi. L’ottimismo d’altronde motiva le persone a sfidare e a vincere le difficoltà.

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci

Le sorprese della dieta mediterranea

chiama oggi stesso per un appuntamento

La dieta mediterranea rallenta l’invecchiamento e protegge il cervello. Per gli anziani che la seguono, il cervello perde meno cellule cerebrali rispetto a chi non l’ha adottata.

LA DIETA MEDITERRANEA ELa dieta mediterranea ha i suoi pilastri nella frutta, verdura, olio d’oliva, legumi e cereali, un moderato consumo di pesce, formaggio, vino e poca carne rossa.

Lo ha verificato uno studio pubblicato sulla rivista Neurology. I ricercatori hanno raccolto notizie sulle abitudini alimentari di 970 persone sane, di circa 70 anni e hanno fatto una risonanza magnetica cerebrale. Dopo 3 anni hanno fatto una seconda risonanza magnetica per valutare l’impatto della dieta mediterranea. Così, si è visto che chi non l’aveva adottata aveva subito la perdita maggiore del volume del cervello rispetto a chi invece l’aveva seguita bene. Ecco alcuni benefici sorprendenti:

  1. I benefici della dieta mediterranea vanno oltre la salute del cuore

Chi segue la dieta mediterranea oltre a benefici per il cuore, ha un’alta protezione per i reni, riduzione del declino cognitivo con gli anni, scomparsa della sindrome metabolica, riduzione dei rischi della malattia aterosclerotica agli arti inferiori e diabete.

  1. La qualità delle calorie conta più della quantità

Vi sono molte persone fissate nel contare le calorie, pensano solo a contare la quantità e non si interessano della qualità. Sebbene sia importante la quantità delle calorie, conta di più il tipo di calorie. La dieta mediterranea contiene alcuni alimenti con forte potere nutritivo e relativamente poche calorie.Latte_di_mandorla

  1. Se non puoi mangiare latticini o glutine, puoi ancora mangiare ‘’mediterraneo’’

Poiché la dieta mediterranea è povera di prodotti a base latte (formaggio, latticini, ecc…) le persone che seguono una dieta priva di latte possono usare delle alternative: si può scegliere latte di mandorla non dolcificato insieme a cereali integrali, oppure si può optare per lo yogurt di soia. Così chi deve seguire una dieta priva di glutine può scegliere tra chicchi d’orzo, riso integrale, grano saraceno.

  1. dieta_mediterraneaCosta poco

Uno dei più grossi errori è pensare di dover spendere molto per mangiare sano. La dieta mediterranea invece è un’opzione molto salutare e anche molto economica. E’ stato dimostrato che preparando il cibo da sé si riducono i costi.

  1. È una grande dieta per i bambini

Gli studi hanno mostrato che i bambini che seguono una dieta mediterranea sono meno a rischio di diventare in sovrappeso o obesi. L’obesità infantile si sta molto diffondendo nei paesi occidentali e questa dieta potrebbe essere una buona soluzione.

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci

5 Miti sul vaccino

chiama oggi stesso per un appuntamento

C’è molta disinformazione sui vaccini e sul loro processo di immunizzazione. Dovunque ci sono notizie distorte, sui giornali, nei dibattiti in TV e sui social network.

Non bisogna credere a questi miti perché la tua salute e quella di chi ti è vicino è molto importante.

Mito 1: il vaccino causa autismo.

Questo mito, persiste nonostante non c’è nessuna evidenza clinica che conferma questo legame.

Per esempio: in uno studio eseguito a Edimburgo (UK) su larga scala (esaminati più di 95000 bambini) e pubblicato nel 2015 sulla rivista Neurology, i ricercatori non hanno tr5 MITI SUL VACCINOovato nessuna correlazione tra il vaccino per il morbillo, parotite e rosolia (MPR) e il rischio di avere autismo. Probabilmente non c’è nessuna correlazione neanche per bambini ad alto rischio come quelli che hanno un fratello più grande con autismo.

Questa è l’ultima ricerca che non ha trovato alcuna correlazione tra i vaccini e l’autismo. Non c’è un’epidemia di autismo adesso, solo che questa malattia è diagnosticata meglio. In passato le persone che avevano queste disabilità intellettuali venivano classificate con altri nomi. Se in una famiglia c’è un figlio con autismo c’è una possibilità del 18% che il secondo figlio abbia la stessa malattia

Mito 2: se ‘’scelgo di non vaccinarmi’’, sono responsabile solo per la mia salute?

Il problema è che i vaccini funzionano meglio quando tutta la popolazione lo riceve.

vaccinazioniIl concetto è chiamato “immunità di gruppo”. Quando molte persone sono immuni da una malattia, quelli che non sono vaccinati o sono a maggior rischio di avere la malattia, hanno una certa protezione perché le persone intorno a loro non si ammaleranno.

Mito 3: ‘’se la malattia è stata eliminata, il bambino non necessita di essere vaccinato contro di essa.’’

Questa convinzione è sbagliata perché con i vaccini alcune malattie come il morbillo, sono state eliminate in molte parti, ma non dovunque. Se le persone non sono vaccinate, noi vedremo queste malattie ricomparire da capo. Se noi stoppiamo la vaccinazione dei bambini , sia loro che le future generazioni sono a rischio di avere le stesse catastrofiche malattie che hanno avuto i nostri antenati.

Mito 4: ‘’una volta che tu sei adulto, non necessiti più di vaccini.’’

Tutti i dibattiti sono stati fatti intorno ai vaccini per bambini, ma essi sono importanti anche per gli adulti.

vaccinazioniPer esempio alcuni vaccini – come per il tetano, la difterite e la pertosse (TDPa) – richiedono dei richiami per rimanere efficaci nel tempo. Molti ospedali infatti si accertano che anche i genitori siano protetti contro tetano, difterite e pertosse (TDPa) per proteggere la salute dei bambini da queste malattie.

Altre immunizzazioni come per esempio l’influenza hanno bisogno di essere fatte ogni anno indipendentemente dall’età perciò bisogna chiedere al dottore quali vaccinazioni sono state eseguite in passato e per quali sono necessari dei richiami. Questo specialmente se si deve viaggiare all’estero.

Mito 5: ‘’prendendo il vaccino divento un malato.’’

Dopo la vaccinazione si hanno sintomi lievi della malattia.Per esempio: prendendo il vaccino dell’influenza si hanno i sintomi lievi dell’influenza.

Bisogna stare attenti nella somministrazione del vaccino per morbillo, parotite e rosolia (MPR) che non devono essere dati alle donne in Vaccinigravidanza. Ma le donne in gravidanza possono ricevere il vaccino per il tetano, difterite e pertosse (TDPa) e anche il vaccino antinfluenzale. Infatti la vaccinazione antinfluenzale si fa per prevenire la malattia durante la gravidanza. Molti pazienti possono avere un’allergia ai vaccini, ma è molto raro.

Per la massima parte delle persone i benefici provenienti dalla vaccinazione superano di gran lunga i piccoli disturbi che possono provocare e poi non bisogna dimenticare che la protezione non è solo per te ma anche per chi sta intorno a te.

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci

Pensieri lenti, pensieri veloci

chiama oggi stesso per un appuntamento

Decisioni a due velocità

È molto facile cadere in errore nella formulazione di giudizi più complessi. È dimostrato come le persone non attribuiscono la probabilità di eventi possibili sulla base di informazioni statistiche, ma piuttosto sulla facilità con cui al soggetto vengono in mepensieri lenti pensieri velocinte eventi simili. Si ha la tendenza cioè a ignorare le basi statistiche nel formulare una previsione o un giudizio e questo in tutti i campi: economico, finanziario, sanitario. Le persone sono naturalmente incapaci di ragionare in modo statistico. L’intuizione ci porta fuori strada, lo fa sistematicamente. È tutta una questione di lentezza (o di velocità).

Pensiero lento e pensiero veloce sottostanno ai processi cognitivi e sono personificati dal Sistema 1 e dal Sistema 2. Il Sistema 1 (pensiero veloce) è intuitivo, impulsivo, associativo, (adora saltare alle conclusioni) automatico, inconscio, veloce, economico, spreca cioè poca energia cioè il glucosio. Il Sistema 2 (pensiero lento) è consapevole, lento, pigro, riflessivo, educato, costoso in termini di consumo energetico.

pensieri lenti pensieri velociSistema 1 e Sistema 2 non esistono nel cervello ma sono come una metafora che ci aiuta a far luce sulla nostra vita mentale. Il Sistema 1 ci aiuta per esempio, davanti ad un ostacolo improvviso, a frenare immediatamente la nostra auto (frazione di secondi). Invece è grazie al Sistema 2 se riusciamo a risolvere lentamente una moltiplicazione come 16×23. I due sistemi interagiscono in genere. Efficiente e produttiva, questa organizzazione del pensiero ci permette di sviluppare competenze ed abilità e di eseguire operazioni complesse. Ma può anche essere fonte di errori quando l’intuizione si lascia suggestionare dagli stereotipi e la riflessione (pensiero lento) è troppo pigra per correggerla.

La maggior parte dei nostri errori è il prodotto di giudizi intuitivi che non sono passati al vaglio del Sistema 2, ecco un esempio: ‘’ in un prato c’è una zolla d’erba; ogni giorno la zolla raddoppia di dimensione; ci vogliono 48 giorni per coprire l’intero prato. Quanti giorni ci vogliono per coprire metà prato?’’ la risposta del Sistema 1 è 24 giorni, ma la risposta intuitiva è sbagliata. Per rendersene conto occorre riflettere cioè attivare il Sistema 2 che dà la risposta corretta, 47. Se il Sistema 2 resta passivo, pigro, finiamo per credere vere impressioni false e questo vale per i giudizi e le decisioni quotidiane. La maggior parte delle nostre scelte, è il prodotto automatico del Sistema 1 (pensieri veloci). Occorre fare attenzione, perché a metterci nei guai è il fare cose che, sbapensieri lenti pensieri velocigliando, pensiamo di conoscere bene. Altri studi illustrano un concetto ben noto ad oratori, venditori e agenti pubblicitari: situazioni che mettono a proprio agio l’ascoltatore lo spingono ad accettare affermazioni percepite come vere. Scritte in grande o in grassetto così come le frasi pronunciate da figure rassicuranti, personaggi noti, trasmettono messaggi facilmente accettabili dal pubblico, la cui attività censoria risulta inibita. E’ il mondo della pubblicità, esplicita o occulta. E’ come se siamo assorbiti dall’esperienza di vedere un bel film, per cui la nostra coscienza è come se fosse inibita dal resto del cervello. Una volta compreso che le nostre decisioni possono essere influenzate agendo sui meccanismi automatici del Sistema 1 (pensiero veloce) si pone però un problema, ovvero, come proteggere gli individui dai loro errori e dalle manipolazioni degli altri che sfruttano cinicamente la nostra vulnerabilità cognitiva? ‘’Fare la cosa giusta‘’ è molto difficile perché i nostri giudizi molte volte non sono basati su dati certi; in un investimento non calcoliamo ad esempio il costo sommerso ma pensiamo solo al ritorno positivo. Abbiamo una difficoltà di elaborazione, è stato chiesto per esempio in un esperimento a un gruppo di soggetti, che cosa preferiscono: l’intervento chirurgico che ha un tasso di ‘’sopravvivenza’’ del 90% oppure un’altra opzione con un tasso di mortalità del 10%. Tutti hanno accettato la prima opzione anche se la situazione non era differente. Facciamo errori perché siamo permeati da un ottimismo che ci dà l’illusione del controllo e invece non è così.

Chiama OGGI, per un appuntamento nello STESSO GIORNO allo 0883 594850 oppure il 347 3903801.
Per chi ha difficoltà a raggiungerci, previo accordo, c’è un servizio di trasporto con il nostro autista.
Approfondisci