Orari d'apertura : Lun-Ven 8:00/12:30 - 15:00/20:00
  Contatti : 0883 59 48 50 - 329 4166249

Archive for giugno 2016

New Baby, nuove vene

La gravidanza è una cosa eccitante ed è un periodo importante nella vita della donna. Sfortunatamente questi nove mesi possono essere accompagnati da alcuni spiacevoli effetti locali: nausea, dolori alla schiena e l’apparizione di vene varicose.

Sebbene molte donne sono felici di vedere che questi vasi scompaiono dopo il parto non tutte sono cosi fortunate. La buona notizia è che se le vene varicose persistono dopo il parto ci sono dei metodi efficaci per ridurre o far scomparire le vene senza chirurgia, dolore o perdita di tempo.

Il legame tra gravidanza e vene varicose

Unknown
Ci sono numerose ragioni che spiegano la comparsa delle varici durante questi nove mesi:

  • L’aumento dell’utero aumenta la pressione sulle vene
  • L’aumento di flusso di sangue durante la gravidanza aumenta la pressione nelle vene
  • L’aumento di pressione e di flusso aumenta il rischio di danneggiare le vene e le valvole all’interno di esse
  • La fluttuazione ormonale indebolisce la parete delle vene portando alla formazione di varicosità

La gravidanza da sola è un significativo fattore di rischio per le vene varicose e tu corri un rischio maggiore se c’è una storia familiare di malattie venose o una storia personale di alterazioni delle vene e della coagulazione del sangue. Le vene varicose appaiono più facilmente in chi ha uno stile di vita sedentario o passa lunghi periodi della giornata seduto o in piedi.

Passi per la prevenzione

family-with-pregnant-mom

Una volta che hai la certezza di essere incinta, devi fare alcune cose per ridurre il rischio di sviluppare le varici nei mesi successivi:

  • Cammina ogni giorno perché la contrazione dei muscoli della gamba spinge il sangue in alto verso il cuore
  • Solleva le gambe per un certo tempo almeno la sera così le vene si riposano
  • Se il medico lo consiglia, puoi indossare delle calze elastiche che danno un sostegno alle gambe e riducono il rischio di vene varicose e di sintomi fastidiosi.

Trattamento dopo il parto

Se nonostante tutti gli sforzi durante la gravidanza le vene non scompaiono dopo il parto o si riducono solo di poco si possono curare facilmente presso la nostra clinica Vein Clinic Pollice con metodi poco invasivi:

Scleroterapia: durante questo trattamento una soluzione sclerosante è iniettata nella vena sotto guida ecografica. La vena va incontro a fibrosi e poi è riassorbita dall’organismo.

Trattamento endovenoso con laser: con la fibra del laser si produce una coagulazione della vena che si chiude e diventa un cordoncino fibroso. La vena è poi riassorbita e il sangue è deviato in altri piccoli vasi.

 

 

Approfondisci

Imparare l’ottimismo

banner-macchi-2L’ottimismo non è qualcosa di congenito, è qualcosa che si impara ogni giorno. Ognuno di noi diventa momentaneamente depresso a seguito di un fallimento. Si diventa tristi, il futuro appare tetro e qualsiasi sforzo sembra di una difficoltà opprimente. Alcune persone si riprendono in tempi brevi da questa ‘’impotenza appresa’’. Altre restano così per settimane o diversi mesi.

E’ questo l’elemento fonottimismodamentale che distingue la breve demoralizzazione da un episodio di depressione. Il fattore cruciale di questo processo è la speranza o l’assenza di speranza. La persona ottimista ha speranza, ritiene che la difficoltà è solo temporanea. Anche il fallimento produce solo una breve demoralizzazione.

ottimismo

Il pessimista invece dà questa spiegazione per gli eventi negativi: ‘’è colpa mia’’, ‘’ durerà per sempre’’, ‘’non sono una persona capace’’, ‘’no
n sono una persona piacevole’’, fino ad arrivare ad un declino o alla perdita dell’autostima. In altri termini di fronte ad eventi negativi chi ha uno stile esplicativo pessimistico ha un modo di pensare particolarmente autolesivo. Diventerà probabilmente depresso, mentre chi ha uno stile esplicativo ottimistico tenderà a resistere alla depressione. Il pessimismo è dunque un terreno fertile per la depressione particolarmente quando le situazioni sono ostili.

L’atteggiamento ottimistico è qualcosa che si impara ogni giorno, bisogna allenarsi come in uno sport tipo tennis o nuoto. Se non fai questo allenamento continuo in senso positivo facilmente cadi nella condizione di vedere tutto nero.

L’ottimismo si può misurare, imparare e anche insegnare. Esso serve a:

  • Neutralizzare l’abitudine di pensare ‘’mi arrendo’’ mediante tecniche speciali;

  • Cambiare il dialogo interiore per approdare ad un appagante equilibrio mentale;

  • Aiutare i nostri figli fin da piccoli, a utilizzare quelle modalità di pensiero che incoraggiano l’ottimismo;

  • Migliorare l’umore e lo stato del sistema immunitario adottando modalità di pensiero più efficaci per il benessere fisico e psicologico;

  • Riconoscere lo ‘’stile esplicativo’’ (ossia quel che diciamo a noi stessi di fronte alle avversità) per individuarne gli effetti sulla qualità della vita.

Approfondisci

Altri trattamenti delle vene

Sebbene l’associazione di scleroterapia e laser endovenoso (ELT) sia la miglior opzione per il trattamento delle varici, vi sono altre tecniche di trattamento.

Venaseal closure – Occlusione della vena safena con cianoacrilato

La più recentepollice-sito innovazione per la cura delle vene varicose causate dall’insufficienza valvolare della vena Safena: si tratta della occlusione safenica con Cianoacrilato (definito ‘’Super Glue’’), uno speciale adesivo già noto ed usato come colla biologica in chirurgia da circa 50 anni. L’intervento, endovascolare ecoguidato, realizzato in regime ambulatoriale, senza cicatrici, ha come caratteristiche fondamentali ed innovative il fatto di essere eseguito senza anestesia e di non richiedere l’uso di bendaggio o calza elastica nel postoperatorio. Appena terminata la procedura, indolore, ci si alza e si può tornare immediatamente alle proprie attività, anche lavorative.

Flebctomia ambulatoriale: Togliere le vene attraverso piccole incisioniimg-sito

E’ una tecnica molto bella. Ci vuole molta abilità tecnica e si usa solo per asportare piccoli tratti di vena. Si usa l’anestesia locale; le incisioni sono piccolissime (1-2 mm) e non ha bisogno di suture.

Approfondisci

Come scegliere il posto giusto per il trattamento delle vene?

DOVE E CON CHI FARE IL TRATTAMENTOMolte persone che soffrono di vene varicose sono confuse perché non sanno dove andare e con chi fare un trattamento. Ecco alcuni punti importanti su come decidere dove andare.

1 Trovare il medico giusto.

Molti operatori sanitari offrono alcune opzioni di trattamento delle varici. Tuttavia non tutti sono ugualmente qualificati per il trattamento della malattia varicosa. I pazienti devono cercare un chirurgo vascolare che sia unicamente esperto per la diagnosi e il trattamento delle vene. Nella nostra clinica tutti gli operatori sanitari sono fortemente qualificati secondo i più elevati standard.

2 La diagnosi migliore.DOVE E CON CHI FARE IL TRATTAMENTO

E’ essenziale cercare uno specialista che utilizza gli ultrasuoni sia nella diagnosi sia nel processo di trattamento. In questo modo ha una visione globale del paziente e può evidenziare le vene che a volte non sono visibili sulla superficie cutanea.

3 La molteplicità di opzioni.

I pazienti devono scegliere il medico che tratta il più ampio spettro di malattie venose. Particolarmente importante è che lo specialista sia esperto in tutte le metodiche di trattamento delle vene a partire dalla scleroterapia e il trattamento laser endovenoso o la flbectomia. E’ l’approccio combinato delle varie tecniche che può dare il miglior risultato.

DOVE E CON CHI FARE IL TRATTAMENTO4 Convenienza economica.

Tenendo conto dei principi elencati sopra trovare anche la convenienza economica.

Approfondisci

Perchè fare una visita?

Un’affascinante opportunitàPRIMA VISITA

Nel tuo primo appuntamento alla Vein Clinic sarai visitato dal chirurgo vascolare che esaminerà la tua condizione e ti illustrerà la diagnosi e il piano di trattamento. Se tu hai qualche domanda lo specialista sarà lieto di risponderti. Alla fine della visita la segretaria discuterà con te i costi del trattamento e il tempo necessario.

Starai nello studio per circa un’ora durante questa visita; se possibile porta con te precedenti esami vascolari o descrizioni di precedenti interventi.

La tua mappa venosaPRIMA VISITA

Durante questa visita farai un esame con un nostro esperto di ecografia vascolare il quale userà gli ultrasuoni per fare una mappa delle vene. Molti pazienti sono sorpresi nel vedere come è estensivo il nostro esame. La mappa venosa ci fa vedere dettagli che non sono visibili ad occhio nudo.

Come trattare le varici?

Il tuo problema sarà trattato o con il laser endovenoso oppure con scleroterapia o la combinazione di entrambi. Durante la prima visita lo specialista indicherà il piano terapeutico e il numero di volte che sarà necessario venire allo studio per il trattamento.

PRIMA VISITAVisite di controllo successive

Le vene trattate non recidivano, però altre piccole vene possono formarsi. Il nostro protocollo prevede controlli a distanza di sei mesi. In questo modo blocchiamo all’inizio la produzione di qualsiasi vena.

Approfondisci

E’ meglio trattare le varici con il Laser Endovenoso

 durataCosa è il trattamento laser endovenoso?

Il trattamento laser endovenoso (ELT oppure EVLT) è un trattamento veloce minimamente invasivo che non richiede ospedalizzazione ed è privo di complicanze. Tutta la procedura dall’inizio alla fine dura soltanto 35 minuti e si ha poco o nessun dolore.

 

Come funziona?

AVC_Endovenous-Laser-TreatmentLa fibra ottica viene inserita con un ago nella vena con guida ecografica. Il laser è attivato man a mano che la fibra ottica viene ritirata dalla vena. Il calore sviluppato dalla punta della fibra chiude la vena. Una volta chiusa la vena, il sangue che prima passava in questa, viene deviato in altre direzioni verso vene sane. Col tempo la vena chiusa viene assorbita dall’organismo. Il laser non può trattare tutte le vene ecco perché alcune troppo piccole o tortuose o molto superficiali sono trattate con la scleroterapia in contemporanea.

banner-quadr-vein-clinic-criolipolisi

Approfondisci

5 Modi per battere lo stress

1 Svegliati presto

Può sembrare controproducente privare se stessi del sonno ma alzarsi 15-20 minuti prima ti fa sentire più fresco e meno logorato. Prendi tempo al mattino per concentrarti su te stesso, considera che la caffeina ha bisogno di almeno 20 minuti per essere metabolizzata e per dare i suoi effetti, durante questo tempo pensa agli scopi della giornata o leggi qualcosa che ti inspira. Vedrai che la giornata che sembrava brutta all’inizio diventa più facile.

5 modi per battere lo stress

2 Creati uno spazio rilassante

Ricerche dicono che il colore rosso è eccitante mentre colori più freddi come il blu, verde o grigio chiaro rilassano. Conviene circondarsi di colori che ci rendono calmi; la teoria della ‘’color therapy’’ dice che i colori entrano negli occhi e rimandano il messaggio al cervello che regola le emozioni. Ci sono molte cose che ci circondano con colori che possono causare stress. Il suggerimento è: a casa dipingi i muri con colori tenui e riposanti; in ufficio copri la sedia su cui siedi con un drappo colorato e modifica lo sfondo del pc.

5 modi per battere lo stress

3 Pratica il tuo Hobby

Cerca di trovare un’attività per occupare il tuo tempo. Il miglior modo per battere lo stress è focalizzare la tua mente su attività piacevoli. Infatti incanalare le tue energie in un hobby rilassa la mente ed elimina lo stress.

5 modi per battere lo stress

4 Contrai e rilassa i tuoi muscoli

Questa tecnica è stata sviluppata nel 1930 ed è consigliata da allora. Occorre prima tenere il muscolo in tensione e dopo rilassarlo, questo garantisce sollievo fisico. Inoltre un corpo rilassato spesso porta ad una mente rilassata. Contrarre e rilassare ogni gruppo muscolare per circa 5 secondi, iniziando con la fronte e poi spostandosi verso il basso con gli occhi, le labbra, le mani, le braccia, le spalle, lo stomaco, i fianchi, le cosce, i piedi e infine le dita dei piedi.

5 modi per battere lo stress

5 Fai respiri profondi

Dopo che hai fatto le tue commissioni, fermati un minuto e respira profondamente dal naso verso il tuo addome. Respirando profondamente verso l’addome dà un senso di calma perché più ossigeno è rilasciato alle cellule del corpo e questo rilassa il corpo. Questo tipo di respiro aumenta ciò che è conosciuto come la ‘’relaxation response’’ che è connesso al sistema parasimpatico.pllice-image

Approfondisci